Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la COOKIE POLICY.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

davide dellerario

 

Davide Dell’Erario si avvicina in maniera significativa alla musica, per la prima volta, all’età di 7 anni, attratto dalla magia di un pianoforte che lo motiverà a seguire dei corsi privati tenuti dall’insegnante Giulia Amadei. La fantasia di svariate realtà musicali straordinarie conducono un ragazzino di soli 12 anni alla ricerca e allo studio di nuovi strumenti d’espressione quali le percussioni, la voce, il corno francese e le tastiere nell’ambito contemporaneo. Ha modo di conoscere vari docenti da cui può imparare a relazionarsi con i vari strumenti, tra cui Gabriele Pozzolini, Cristiano Grasso, Giovanni Sbolci, Daniela Rognini, Sara Bacchelli, Bobo Rondelli. All’età di 14 anni si iscrive al Liceo Musicale di Livorno per “dimenticare tutto” e innamorarsi di un suono che ancora oggi porta nel cuore e di cui “parla” con la sua TROMBA. Studia per solo un anno con Fabio Fabbri (Docente presso Liceo Musicale Sandro Pertini di Genova), dopodiché intraprenderà uno studio variopinto dei vari generi musicali (classico, barocco, romantico, moderno e contemporaneo) associati al suo nuovo strumento, la tromba, con il M° Filippo Ceccarini, il quale accompagnerà Davide al conseguimento del suo diploma nel Luglio 2016, con una votazione eccellente: 97/100. Grazie al liceo ha modo di avventurarsi in vari percorsi musicali riguardanti l’armonia, il song writing e la produzione attraverso lo studio delle tecnologie musicali; tutto ciò desterà in lui il desiderio insaziabile di imparare. Frequenta un importante masterclass con il docente Mario Guarneri (University of Southern California; Los Angeles Philharmonic) per quanto riguarda uno studio approfondito sul suono naturale della tromba e un’altra con Luca Colombo sull’improvvisazione in generale. Si affaccia anche al mondo del Blues, il suo genere preferito, seguendo varie clinics e partecipando nel febbraio 2016 al Pistoia Blues. Studia inoltre con Dimitri Grechi Espinoza (blues), Luca Stornello, Paolo Filidei (armonia e composizione), Bianca Vincenza Festa, Tommaso Dini (TCM), Daniele Salvini (storia della musica), Giorgio Lopardo, Raffaele Della Croce (tromba), Loreta Ferri (corno), Tony Cattano (trombone). Ha suonato con Carlo Piazza, Lorenzo Sbaffi, Mario Guarneri e Gisella Cosi e ha avuto il privilegio di conoscere e ascoltare di persona Asher Fisch (Berliner Philharmoniker), Fabrizio Bosso, Rosario Bonaccorso, Roberto Taufic. Suona regolarmente in varie orchestre tra cui quella cittadina (Orchestra Labronica), la giovanile (Orchestra Giovanile Livornese) e ha fatto parte per alcuni anni dell’ORST (Orchestra Regionale Scolastica Toscana) e della banda cittadina. Nel tempo libero si diverte con i suoni, la tromba e la produzione audio-video e si dedica con passione all’attività didattica musicale, in particolare alla propedeutica per bambini, in cui crede molto.